Developed in conjunction with Ext-Joom.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

infortuni a causa di nessuna formazione

 

Sono numerose le sentenze della Corte di Cassazione che sono intervenute in questi anni sul tema della formazione, mettendo ogni volta in rilievo vari aspetti correlati agli obblighi e alle responsabilità nei luoghi di lavoro.

Nella sentenza n. 47470 si indica che il ricorrente, B.L., ha proposto ricorso per cassazione contro la sentenza della Corte di Appello di Ancona, con la quale “è stata confermata la sentenza di condanna resa dal Tribunale di Ascoli Piceno, sezione distaccata di San Benedetto del Tronto, in data 12.04.2013, in riferimento al reato di cui all'art. 590 cod. pen.”.

 

Art. 590

Lesioni personali colpose

Chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a euro 309.

Se la lesione è grave la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da euro 123 a euro 619, se è gravissima, della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da euro 309 a euro 1.239.

Se i fatti di cui al secondo comma sono commessi con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena per le lesioni gravi è della reclusione da tre mesi a un anno o della multa da euro 500 a euro 2.000 e la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da uno a tre anni.

Nel caso di lesioni di più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse, aumentata fino al triplo; ma la pena della reclusione non può superare gli anni cinque.

Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo nei casi previsti nel primo e secondo capoverso, limitatamente ai fatti commessi con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all'igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale.

Nella sentenza si indica poi che il ricorrente con il primo motivo di ricorso “deduce il vizio motivazionale in riferimento all'affermazione di responsabilità. Osserva che l'infortunio si è verificato a causa della arbitraria decisione assunta dal dipendente infortunato”.

Mentre con il secondo motivo “si duole del mancato riconoscimento delle attenuanti generiche”. 

Soffermandosi sul primo motivo, la Cassazione ricorda che “la Corte regolatrice ha chiarito che nessuna efficacia causale, per escludere la responsabilità del datore di lavoro, può essere attribuita al comportamento negligente del medesimo lavoratore infortunato, che abbia dato occasione all'evento, quando questo sia da ricondurre comunque alla insufficienza di quelle cautele che, se adottate, sarebbero valse a neutralizzare proprio il rischio derivante dal richiamato comportamento imprudente”.

E sul punto – continua la Cassazione - si è osservato che “le norme antinfortunistiche sono destinate a garantire la sicurezza delle condizioni di lavoro, anche in considerazione della disattenzione con la quale gli stessi lavoratori effettuano le prestazioni, con le seguenti precisazioni:

che, nel campo della sicurezza del lavoro, gli obblighi di vigilanza che gravano sul datore di lavoro risultano funzionali anche rispetto alla possibilità che il lavoratore si dimostri imprudente o negligente verso la propria incolumità;

che può escludersi l'esistenza del rapporto di causalità unicamente nei casi in cui sia provata l' abnormità del comportamento del lavoratore infortunato e sia provato che proprio questa abnormità abbia dato causa all'evento;

che deve considerarsi abnorme il comportamento che, per la sua stranezza e imprevedibilità, si ponga al di fuori di ogni possibilità di controllo da parte delle persone preposte all'applicazione delle misure di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro”.

La Cassazione si sofferma anche sul secondo motivo di ricorso, considerato, come il primo, inammissibile.

 

Rimandando, per il secondo motivo alla lettura integrale della sentenza, la Cassazione segnala che la Corte di Appello ha osservato “che correttamente era stato negato il riconoscimento delle attenuanti generiche, tenuto conto del precedente specifico che si rinviene a carico dell'imputato e dell'elevato grado della colpa”.

 

il committente obbligo di verificare l'operato dei coordinatori

Gli obblighi del committente,  in merito la suprema Corte, vanno tenuti distinti da quelli dei coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori e sono...

Read More...
inadeguatezza dei dispositivi di protezioni

Roma, 28 Feb – PuntoSicuro si è soffermato più volte sul tema dell’eventuale inidoneità dei dispositivi di protezione individuale (DPI) con particolare riferimento, nella...

Read More...
infortuni a causa di nessuna formazione

  Sono numerose le sentenze della Corte di Cassazione che sono intervenute in questi anni sul tema della formazione, mettendo ogni volta in rilievo vari aspetti correlati...

Read More...
L'importanza della formazione del preposto

Il datore di lavoro e il componente anziano dell’ufficio tecnico di un’azienda hanno ricorso in cassazione avverso la sentenza emessa dalla Corte di Appello, chiedendone...

Read More...
cellulari portatori di malattie

UN APPROFONDIMENTO DOPO IL CLAMORE MEDIATICO DELLE SENTENZE DEI TRIBUNALI DI IVREA E DI FIRENZE  I media hanno dato grande rilievo alle decisioni dei Tribunali di Ivrea e...

Read More...
NUOVA INVENZIONE A FAVORE DEGLI UTENTI E  DEGLI OPERATORI ANTINCENDIO
pompe

La nostra nuova invenzione si propone di incontrare tutte le esigenze dell'utente grazie ad un prodotto rivoluzionario, figlio di lunghe e attente analisi, ricerche e sperimentazioni...


 Leggi ancora...

Categorie di Prodotti

 

Il vasto e completo catalogo dei prodotti spazia per diversi settori:

–        quello dell'Antinfortunistica che comprende i dispositivi di protezione individuale quindi scarpe, elmetti, ecc...

–        quello della pompieristica e dell'antincendio che comprende estintori a polvere, manichette idranti, impianti di rivelazione ...

Leggi ancora...

Contatti e Info

 

Sede Legale Stabilimento, Assistenza Tecnica e Deposito c/o Centro Servizi L’Acquario:

Via Ciccarello, 77 – Reggio Calabria
Tel. 0965.54934 Fax 0965.591893
posta elettronica:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Succursali

Messina
Via Elenuccia,nr 3 – 98121 
Tel 090/46411 
Fax 090/5729350
posta elettronica: 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Caltanissetta
Via N. Colajanni, 175 – 93100 
Tel 0934/585222
Fax 0934/541357
posta elettronica:  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Sicurnet

 

Logo-Sicurnet-2014SicurNet è la più grande e ramificata rete di operatori nel campo della sicurezza, della prevenzione e dell’antincendio in Italia.

Offre una vasta gamma di prodotti omologati e con i suoi 150.000 Clienti copre tutto il settore in territorio nazionale.

La Cadi è partner consorziata e punto di riferimento per il sud Italia.

Leggi ancora...

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen