Developed in conjunction with Ext-Joom.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

il ricorso alla Cassazione civile, sez. lav, che con sentenza 11 giugno 2015, n. 12121

Scende dalla macchina con la quale si recava al lavoro, inciampa nel marciapiede e cade a procurandosi un “trauma contusivo alla mano destra e sinistra, ginocchio destro e sinistro”.

 

È capitato a una dipendente che ha chiesto all’Inail il riconoscimento dell’inabilità per infortunio in itinere, che l’Istituto non ha riconosciuto per “l’ulteriore periodo di inabilità temporanea …connesso all’intervento chirurgico effettuato dall’interessata, in artroscopia di meniscectomia mediale selettiva e lateral relase della rotula”.

 

Da qui il ricorso alla Cassazione civile, sez. lav, che con sentenza 11 giugno 2015, n. 12121, ha accolto il controricorso dell’INAIL, tenuto conto che:

 

la Corte d’Appello aveva ritenuto “sussistere una patologia preesistente, rispetto alla quale l’aggravamento si inseriva in un quadro di degenerazione … che valutato secondo il principio di equivalenza causale di cui all’art. 41 cp, e considerato l’onere probatorio pur sempre gravante sull’attore, induceva a ritenere che la caduta a terra era mera occasione di evidenza della patologia degenerativa e non concausa della stessa, né dell’intervento chirurgico in questione a cui seguiva l’inabilità temporanea in questione*” ( deducendo contraddittorietà e difetto di motivazione, mancata valutazione della concausalità – art. 360, n. 3 e n. 5, cpc;

2) vi è stata mancanza di “valutazione della concausalità dell’evento lesivo… di accertamento del nesso causale e del principio di equivalenza delle condizioni**.

La sentenza ha ricordato che “è principio consolidato nella giurisprudenza di questa Corte che anche nella materia degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali trova diretta applicazione la regola contenuta nell’art. 41 cp, per cui il rapporto causale tra evento e danno è governato dal principio dell’equivalenza delle condizioni, secondo il quale va riconosciuta l’efficienza causale ad ogni antecedente che abbia contribuito, anche in maniera indiretta e remota, alla produzione dell’evento, mentre solamente se possa essere con certezza ravvisato l’intervento di un fattore estraneo all’attività lavorativa, che sia per sé sufficiente a produrre l’infermità tanto da far degradare altre evenienze a semplici occasioni, deve escludersi l’esistenza del nesso eziologico richiesto dalla legge”***.

 

* “L’intervento era stato consigliato già alla chiusura del primo periodo di inabilità temporanea ed era stato eseguito l’anno successivo a seguito di una scelta meditata della ricorrente”.

 

** Se “la patologia in questione fosse riferibile al sovrappeso e al disallineamento dell’apparato estensore, senza dare alcuna rilevanza neppure concausale all’infortunio” occorso alla dipendente

Uman24 - Novembre 2017

Online la Newsletter "Uman24" edizione di novembre 2017 del "Sole 24 Ore" dal titolo: La prevenzione incendio negli impianti di trattamento rifiuti"

Read More...
La valutazione dei rischi elettromagnetici

Il 2 settembre 2016 è entrato in vigore il Decreto legislativo del 01 agosto 2016, n° 159 da l titolo "Attuazione della direttiva 2013/35/UE sulle disposizioni minime...

Read More...
il ricorso alla Cassazione civile, sez. lav, che con sentenza 11 giugno 2015, n. 12121

Scende dalla macchina con la quale si recava al lavoro, inciampa nel marciapiede e cade a procurandosi un “trauma contusivo alla mano destra e sinistra, ginocchio destro e...

Read More...
Ricollocazione ferie non godute in caso di assistenza di familiari disabili

"La CGIL ha avanzato istanza di interpello al fine di conoscere il parere di questa Direzione generale in merito alla corretta interpretazione dell’art. 33, comma 3, L. n....

Read More...
Obbligo di formazione

Datore di lavoro condannato al pagamento di 1.000,00 euro in favore della Cassa delle Ammende per non aver ottemperato all'obbligo di formazione dei dipendenti e conservato in...

Read More...
NUOVA INVENZIONE A FAVORE DEGLI UTENTI E  DEGLI OPERATORI ANTINCENDIO
pompe

La nostra nuova invenzione si propone di incontrare tutte le esigenze dell'utente grazie ad un prodotto rivoluzionario, figlio di lunghe e attente analisi, ricerche e sperimentazioni...


 Leggi ancora...

Categorie di Prodotti

 

Il vasto e completo catalogo dei prodotti spazia per diversi settori:

–        quello dell'Antinfortunistica che comprende i dispositivi di protezione individuale quindi scarpe, elmetti, ecc...

–        quello della pompieristica e dell'antincendio che comprende estintori a polvere, manichette idranti, impianti di rivelazione ...

Leggi ancora...

Contatti e Info

 

Sede Legale Stabilimento, Assistenza Tecnica e Deposito c/o Centro Servizi L’Acquario:

Via Ciccarello, 77 – Reggio Calabria
Tel. 0965.54934 Fax 0965.591893
posta elettronica:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Succursali

Messina
Via Elenuccia,nr 3 – 98121 
Tel 090/46411 
Fax 090/5729350
posta elettronica: 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Caltanissetta
Via N. Colajanni, 175 – 93100 
Tel 0934/585222
Fax 0934/541357
posta elettronica:  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Sicurnet

 

Logo-Sicurnet-2014SicurNet è la più grande e ramificata rete di operatori nel campo della sicurezza, della prevenzione e dell’antincendio in Italia.

Offre una vasta gamma di prodotti omologati e con i suoi 150.000 Clienti copre tutto il settore in territorio nazionale.

La Cadi è partner consorziata e punto di riferimento per il sud Italia.

Leggi ancora...

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen