Developed in conjunction with Ext-Joom.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Addetto Antincendio

La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico, di esclusiva competenza statale, diretta a conseguire, secondo criteri applicativi uniformi sul territorio nazionale, gli obiettivi di sicurezza della vita umana, di incolumità delle persone e di tutela dei luoghi e dell’ambiente.

Sulla base della valutazione dei rischi è possibile classificare il livello di rischio di incendio dell'intero luogo di lavoro o di ogni parte di esso: tale livello può essere basso, medio o elevato.

CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)Si intendono a rischio di incendio basso i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze a basso tasso di infiammabilità e le condizioni locali e di esercizio offrono scarse possibilità di sviluppo di principi di incendio ed in cui, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso e da ritenersi limitata.

CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO (DURATA 8 ORE) - Si intendono a rischio di incendio medio i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze infiammabili e/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo di incendi, ma nei quali, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso e da ritenersi limitata.

CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO ALTO (DURATA 16 ORE) - Si intendono a rischio di incendio elevato i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui: - per presenza di sostanze altamente infiammabili e/o per le condizioni locali e/o di esercizio sussistono notevoli probabilità di sviluppo di incendi e nella fase iniziale sussistono forti probabilità di propagazione delle fiamme, ovvero non è possibile la classificazione come luogo a rischio di incendio basso o medio Tali luoghi comprendono: - aree dove i processi lavorativi comportano l'utilizzo di sostanze altamente infiammabili (p.e. impianti di verniciatura), o di fiamme libere, o la produzione di notevole calore in presenza di materiali combustibili; - aree dove c'è deposito o manipolazione di sostanze chimiche che possono, in determinate circostanze, produrre reazioni esotermiche, emanare gas o vapori infiammabili, o reagire con altre sostanze combustibili; - aree dove vengono depositate o manipolate sostanze esplosive o altamente infiammabili; - aree dove c'è una notevole quantità di materiali combustibili che sono facilmente incendiabili; - edifici interamente realizzati con strutture in legno. Al fine di classificare un luogo di lavoro o una parte di esso come avente rischio di incendio elevato occorre inoltre tenere presente che: a) molti luoghi di lavoro si classificano della stessa categoria di rischio in ogni parte. Ma una qualunque area a rischio elevato può elevare il livello di rischio dell'intero luogo di lavoro, salvo che l'area interessata sia separata dal resto del luogo attraverso elementi separanti resistenti al fuoco; b) una categoria di rischio elevata può essere ridotta se il processo di lavoro è gestito accuratamente e le vie di esodo sono protette contro l'incendio; c) nei luoghi di lavoro grandi o complessi, è possibile ridurre il livello di rischio attraverso misure di protezione attiva di tipo automatico quali impianti automatici di spegnimento, impianti automatici di rivelazione incendi o impianti di estrazione fumi. Vanno inoltre classificati come luoghi a rischio di incendio elevato quei locali ove, indipendentemente dalla presenza di sostanze infiammabili e dalla facilità di propagazione delle fiamme, l'affollamento degli ambienti, lo stato dei luoghi o le limitazioni motorie delle persone presenti, rendono difficoltosa l'evacuazione in caso di incendio. A titolo esemplificativo e non esaustivo si riporta un elenco di attività da considerare ad elevato rischio di incendio: a) industrie e depositi di cui agli articoli 4 e 6 del DPR n. 175/1988, e successive modifiche ed integrazioni; b) fabbriche e depositi di esplosivi; c) centrali termoelettriche; d) impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili; e) impianti e laboratori nucleari; f) depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a 20.000 m²; g) attività commerciali ed espositive con superficie aperta al pubblico superiore a 10.000 m²; h) ( nota 1 )scali aeroportuali, stazioni ferroviarie con superficie, al chiuso, aperta al pubblico, superiore a 5000 m2 e metropolitane; i) alberghi con oltre 200 posti letto; l) ospedali, case di cura e case di ricovero per anziani; m) scuole di ogni ordine e grado con oltre 1000 persone presenti; n) uffici con oltre 1000 dipendenti; o) cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi ed opere simili di lunghezza superiore a 50 m; p) cantieri temporanei o mobili ove si impiegano esplosivi.

il committente obbligo di verificare l'operato dei coordinatori

Gli obblighi del committente,  in merito la suprema Corte, vanno tenuti distinti da quelli dei coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori e sono...

Read More...
inadeguatezza dei dispositivi di protezioni

Roma, 28 Feb – PuntoSicuro si è soffermato più volte sul tema dell’eventuale inidoneità dei dispositivi di protezione individuale (DPI) con particolare riferimento, nella...

Read More...
infortuni a causa di nessuna formazione

  Sono numerose le sentenze della Corte di Cassazione che sono intervenute in questi anni sul tema della formazione, mettendo ogni volta in rilievo vari aspetti correlati...

Read More...
L'importanza della formazione del preposto

Il datore di lavoro e il componente anziano dell’ufficio tecnico di un’azienda hanno ricorso in cassazione avverso la sentenza emessa dalla Corte di Appello, chiedendone...

Read More...
cellulari portatori di malattie

UN APPROFONDIMENTO DOPO IL CLAMORE MEDIATICO DELLE SENTENZE DEI TRIBUNALI DI IVREA E DI FIRENZE  I media hanno dato grande rilievo alle decisioni dei Tribunali di Ivrea e...

Read More...
NUOVA INVENZIONE A FAVORE DEGLI UTENTI E  DEGLI OPERATORI ANTINCENDIO
pompe

La nostra nuova invenzione si propone di incontrare tutte le esigenze dell'utente grazie ad un prodotto rivoluzionario, figlio di lunghe e attente analisi, ricerche e sperimentazioni...


 Leggi ancora...

Categorie di Prodotti

 

Il vasto e completo catalogo dei prodotti spazia per diversi settori:

–        quello dell'Antinfortunistica che comprende i dispositivi di protezione individuale quindi scarpe, elmetti, ecc...

–        quello della pompieristica e dell'antincendio che comprende estintori a polvere, manichette idranti, impianti di rivelazione ...

Leggi ancora...

Contatti e Info

 

Sede Legale Stabilimento, Assistenza Tecnica e Deposito c/o Centro Servizi L’Acquario:

Via Ciccarello, 77 – Reggio Calabria
Tel. 0965.54934 Fax 0965.591893
posta elettronica:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Succursali

Messina
Via Elenuccia,nr 3 – 98121 
Tel 090/46411 
Fax 090/5729350
posta elettronica: 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Caltanissetta
Via N. Colajanni, 175 – 93100 
Tel 0934/585222
Fax 0934/541357
posta elettronica:  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Sicurnet

 

Logo-Sicurnet-2014SicurNet è la più grande e ramificata rete di operatori nel campo della sicurezza, della prevenzione e dell’antincendio in Italia.

Offre una vasta gamma di prodotti omologati e con i suoi 150.000 Clienti copre tutto il settore in territorio nazionale.

La Cadi è partner consorziata e punto di riferimento per il sud Italia.

Leggi ancora...

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen